» Salta il menu
» Visualizzazione predefinita

Ordinanza pulizia e manutenzione reticolo idraulico

Con l'avvicinarsi del periodo invernale interviene la necessità di provvedere alla ripulitura delle fosse laterali delle strade comunali e vicinali, allo scopo di mantenere la massima regimentazione di scolo delle acque in modo da evitare danni al sistema viario, nonché pregiudizio e pericolo per l'igiene e la pubblica incolumità di cose e persone, derivanti da straripamenti d'acqua non opportunamente incanalata.

L'ordinanza n°12 del 26/10/2016 ordina a tutti i cittadini, proprietari o conduttori di terreni frontisti di strade comunali e vicinali, a provvedere alla periodica manutenzione del reticolo di scolo della pioggia, con un intervento obbligatorio da effettuarsi entro il mese di novembre.

L'obbligo riguarda le seguenti operazioni:

  • completa ripulitura dei fossi dalle erbe e da qualsiasi ostacolo e impedimento;
  • scavo e approfondimento a giusta misura della sezione trapezoidale dei fossi di scolo, con affondamento adeguato alla quantità di acqua che devono ricevere e particolare attenzione al livello originario di scorrimento delle acque, impedendo qualsiasi ristagno o rallentamento (con scarpa 1/1 in modo che le acque pluviali non si riversino sul piano stradale ma corrano liberamente nelle fossette stesse);
  • ripulitura dei tombini nei tratti intubati e dei ponticelli dei passi carrabili con eventuale sostituzione delle opere che presentano sezione idraulica inferiore a quella del fosso.

Il materiale risultante dalla pulizia non potrà essere depositato sulle banchine stradali, ma bensì dovrà essere trasportato a cura e spese degli interessati in luogo idoneo al suo recepimento.

Si ricorda che:

  • qualora i proprietari, che hanno l’obbligo giuridico di provvedere a quanto sopra descritto, non dovessero adempiere entro il termine indicato, i lavori ritenuti necessari potranno essere eseguiti d’ufficio a spese degli inadempienti;
  • qualsiasi danno dovesse verificarsi a causa del mancato adempimento dei lavori descritti nell'ordinanza, sarà direttamente risarcito dagli inadempienti, unitamente a tutte le spese che verranno sostenute dall'amministrazione;
  • i contravventori sono passibili di sanzione amministrativa da € 25 a € 500.

Per informazioni: Servizio Ambiente 0586.980240-258-270, Ufficio Manutenzioni 0586.980228

Data di pubblicazione: 26/10/2016